+39 800 844 500 
Privati Aziende
  Stampa la pagina

Conoscenze fondamentali sull'illuminazione del posto di lavoro

Ricostruire mosaici, riparare gioielli o realizzare pareti mobili per la prossima esposizione: sono tutte attività in cui per supportare correttamente la vista sono necessarie diverse intensità di luce tra 500 e 1.500 Lux, a seconda di quanto siano dettagliati i lavori. La DIN EN 12464-1 fissa i valori di riferimento.

Per postazioni di lavoro dove serve un'ottima visibilità, spesso non è sufficiente l'illuminazione generale, ma servono lampade aggiuntive su ogni postazione. Le lampade fluorescenti compatte con stabilizzatore elettronico anti-sfarfallio (EVG) permettono di lavorare risparmiando corrente.

Per non compromettere la capacità visiva, sugli strumenti o sugli attrezzi non devono formarsi fastidiosi riflessi. Lampade a schermi multicellulari garantiscono una diffusione della luce precisa e antiriflesso.

Capacità visiva

La capacità visiva viene determinata dai contrasti cromatici e di chiaro/scuro, dalle dimensioni dei dettagli, della velocità e dalla durata con cui si percepiscono i contrasti. Quanto più difficile è il tipo di lavoro, tanto maggiore deve essere il grado di illuminazione.

Lampade fluorescenti compatte senza stabilizzatore anti-sfarfallio integrato

Le lampade alogene bispina caratterizzano l'altra parte della famiglia delle lampade fluorescenti compatte, a cui appartengono anche le lampade fluorescenti compatte con stabilizzatore anti-sfarfallio integrato. Queste lampade piccole e compatte sono particolarmente adatte per l'illuminazione aziendale e sono diventate una valida alternativa alle lampade fluorescenti a forma allungata. In queste lampade lo stabilizzatore anti-sfarfallio si trova direttamente all'interno.

Il funzionamento con stabilizzatore anti-sfarfallio elettronico (EVG) anziché magnetico ha il bilancio energetico più economico. EVG è disponibile anche in versioni dimmer speciali; il dimmer è possibile solo con lampadine a 4 pin.

Caratteristiche:

  Lampada a 2, 4 e 6 tubi Lampada piatta a 4 tubi Lampada piatta a 2 tubi
Potenza elettrica (Watt) 5 - 42 18 - 36 18 - 55*)
Flusso luminoso (lumen) 250 - 3.200 1.100 - 2.800 1.200 - 4.800
Efficienza luminosa (lumen/Watt) 50 - 76 61 - 78 67 - 88
Colore della luce bianco caldo luce bianca solare (ww, tw)
Indice di resa del colore Ra 80 - 90
Attacco G23, G24, 2G7, GX24 2G10 2G11
 
*) 40 W e 55 W solo con EVG

Stabilizzatori anti-sfarfallio elettronici per lampade fluorescenti (standard)

Gli stabilizzatori anti-sfarfallio elettronici (EVGs) per lampade fluorescenti sono sinonimo di tecnica d'illuminazione moderna, comfort, risparmio energetico e di denaro. Le EVG con dimmer permettono anche di regolare la luminosità in modo continuo. Inoltre ci sono anche gli stabilizzatori anti-sfarfallio magnetici. Sulle lampade fluorescenti compatte con stabilizzatore anti-sfarfallio integrato (lampade a basso consumo energetico) è integrato nella lampada, sulle lampade fluorescenti e lampade fluorescenti compatte senza stabilizzatore anti-sfarfallio, forma parte integrante.

Le EVG hanno il miglior bilancio energetico. In particolare aumentano l'efficienza luminosa delle lampade e del sistema (lampade con VG). L'EVG aumenta la durata utile delle lampade e riduce la diminuzione del flusso luminoso. La sostituzione della lampada diventa meno frequente, infatti il forsfor e gli elettrodi sono sottoposti a sforzi minori.

Gli EVG accendono le lampade in modo rapido, silenzioso e senza sfarfallio, garantiscono una luce costante e tranquilla e non risentono di sbalzi di tensione e di frequenza. Poiché funzionano anche a corrente continua, in caso di black-out passano al funzionamento a batteria, fornendo un'illuminazione di emergenza. Se un EVG si guasta, si spegne automaticamente.

La luce come fattore di produttività

Investire in una buona illuminazione per le operazioni di produzione conviene. Due studi dell'università tecnica di Ilmenau (del 1997 e 2000) dimostrano migliore produttività, minor affaticamento, minori scarti e incidenti sul lavoro notevolmente ridotti grazie a una maggiore illuminazione. Le relazioni dei ricercatori e le ricerche a lungo termine stabiliscono che: Una luminosità di 600 Lux è il valore consigliato per la tipica postazione di lavoro nel settore industriale.
Grazie a un'illuminazione migliore la produttività per lavori che richiedono un'ottima visibilità aumenta del 50 per cento. Le persone che hanno partecipato ai test si sentivano in forma mentalmente più a lungo. Anche le statistiche degli istituti di assicurazione contro gli infortuni sottolineano il rapporto tra incidenti e intensità luminosa: due terzi degli incidenti registrati si verificano su postazioni di lavoro di lavoro con illuminazione inferiore a 500 Lux.

Illuminazione generale

In falegnameria le diverse intensità d'illuminazione necessarie per ogni postazione di lavoro vengono soddisfatte da un'illuminazione generale orientata verso le postazioni con assegnazione fissa lampade/postazione. È un'eccezione la semplice illuminazione generale con intensità di illuminazione costantemente elevata in tutta la stanza per un ordinamento flessibile delle postazioni di lavoro e un uso variabile dello spazio. Ma anche per l'illuminazione orientata verso la postazione, i moderni sistemi di lampade, ampliabili in molti modi, si rivelano una soluzione flessibile per macchinari e banchi da lavoro.
Le lampade devono essere montate parallelamente alle finestre, corrispondentemente all'ingresso della luce del giorno. Questo presuppone che anche i macchinari e i banchi da lavoro siano paralleli alle finestre. La luce deve cadere lateralmente, per questo le lampade devono essere posizionate lateralmente rispetto alla superficie di lavoro. Se l'illuminazione crea poche ombre, attrezzi e strumenti diventano ben riconoscibili. La vista dei lavoratori non deve essere disturbata dai riflessi di macchinari o attrezzi lucidi.

Illuminazione della postazione di lavoro

Lavori e controlli dettagliati e precisi richiedono una buona illuminazione. Le postazioni di lavoro che necessitano di un'ottima visibilità sono dotate di luci aggiuntive (lampade a sospensione, lampade per singole postazioni di lavoro o lampade per macchinari). Esse completano l'illuminazione generale, quindi devono essere accese solo addizionalmente. L'utilizzo di lampade fluorescenti compatte con stabilizzatore elettronico anti-sfarfallio (EVG) riduce i costi energetici, gli schermi multicellulari garantiscono un orientamento della luce preciso e antiriflesso.
Le lampade per singole postazioni di lavoro non devono causare riflessi fastidiosi su strumenti o attrezzi.

Nella falegnameria sono necessarie lampade aggiuntive per controllare le superfici. La luce dovrebbe entrare come un fascio e creare ombre nette. In questo modo è possibile riconoscere graffi anche sulle superfici opache.

Lampade sicure

Polvere,segatura o fibre sono presenti in ogni falegnameria, come in alcune officine si possono trovare polveri pericolose. In questi ambienti è necessario utilizzare lampade con classe di protezione IP 50 (protezione antipolvere) e/o lampade che si riscaldino poco ovvero che riportino il simbolo antincendio "D".
In ambienti dove vengono usate vernici, sostanze per lucidare e colle con solventi volatili ovvero ove sussiste il pericolo di esplosione. In questo caso sono obbligatorie lampade antideflagranti (con simbolo “Ex” all'interno di un esagono) – per la falegnameria le “lampade zona 20, 21 o 22”.

Illuminazione generale per l'officina

Un'illuminazione generale bilanciata è il presupposto per una buona capacità visiva e per il comfort visivo. Viene determinata in particolare dal grado di illuminazione. Nel laboratorio di un museo l'intensità dell'illuminazione dovrebbe essere di 500 Lux, indipendentemente dal tipo di lavoro.

L'illuminazione generale viene normalmente installata secondo le postazioni di lavoro, il modo migliore è direzionare la luce lateralmente rispetto ai banchi da lavoro. In officine dai grandi spazi o in caso di postazioni di lavoro a file sono adatte lampade fluorescenti. Per aumentare il grado di illuminazione delle singole postazioni di lavoro, occorre prevedere in dotazione lampade aggiuntive.
Se nell'officina vengono svolti lavori di falegnameria con conseguente formazione di polvere, segatura o fibre è utile impiegare lampade con una classe di protezione elevata: Le lampade della classe di protezione IP54 sono dotate, ad esempio, di protezione da polvere e spruzzi d'acqua. Per evitare che in tali o simili circostanze i sedimenti di sostanze infiammabili si infiammino, il riscaldamento delle lampade deve essere limitato. Il simbolo antincendio “D” all'interno della lampadina certifica questa caratteristica.

Capannoni alti fino a 6 metri

Per capannoni da quattro a sei metri d'altezza la soluzione d'illuminazione generale più conveniente è rappresentata da file luminose continue con lampade fluorescenti o con altri tipi di lampade. È importante una distribuzione dell'intensità luminosa ad ampio raggio. Poiché i riflettori indirizzano la luce con precisione, queste lampade possono essere impiegate in capannoni alti fino a sei metri. Da questa altezza l'irraggiamento garantito è ampio. Un'alternativa utile per capannoni di questa altezza è la combinazione di lampade fluorescenti con lampade a scarica ad alta intensità.
L'impiego di lampade con stabilizzatore elettronico anti-sfarfallio (EVG) consentono un risparmio energetico. Se restano accese 4000 ore all'anno (in media le ore di un'azienda), le EVG permettono di ridurre di oltre un quarto i costi energetici. La creazione di un nuovo impianto con EVG viene ammortizzata in due anni e mezzo, e ancora più rapidamente da aziende che lavorano su tre turni, dato che il tempo di accensione è maggiore. Le EVG sono a risparmio energetico perché riducono l'alimentazione del sistema “lampada più stabilizzatore anti-sfarfallio” alla potenza nominale della lampada: una lampada fluorescente da 58 Watt con EVG ha una potenza assorbita di solo 50 Watt, la potenza dissipata della EVG è di 5 Watt. In questo modo il sistema consuma solo 55 Watt.

Capannoni alti oltre 6 metri

Capannoni alti oltre sei metri richiedono non solo lampade particolarmente potenti ma anche convenienti: a livelli di potenza da 250 Watt a 1000 Watt, le lampade ad alogenuri metallici forniscono sufficiente luminosità alla superficie di lavoro. Le lampade a specchio per capannoni consentono una distribuzione dell'intensità luminosa a simmetria rotativa e a irraggiamento profondo. Se sono necessarie intensità luminose verticali elevate è necessario impiegare anche lampade fluorescenti.
Le lampade ad alogenuri metallici uniscono forma compatta, alto flusso luminoso, elevata efficienza luminosa e buone capacità di resa del colore a una lunga vita utile e buona convenienza. Un'efficienza luminosa ancora maggiore caratterizza le lampade a scarica ai vapori di sodio, anch'esse ad alto flusso luminoso, che a seconda del tipo di illuminazione hanno l'indice di resa del colore Ra = 80 - 89, 60 - 69 oppure 20 - 39.

Luci per magazzini

Nei magazzini alti sussiste il pericolo che, a causa delle merci impilate o degli scaffali alti, la luce che dal soffitto raggiunge i corridoi sia insufficiente. La soluzione è offerta da speciali riflettori per lampade a specchio combinate a lampade a scarica ad alta intensità o lampadine per lampade fluorescenti, Ø 16 mm (preferibilmente quest'ultima soluzione). I riflettori, indirizzando la luce nei corridoi, garantiscono intensità luminose verticali, semplificando i lavori di lettura e di ricerca della merce. Le lampade a specchio per magazzini sono dotate inoltre di una protezione antiabbagliante per lo sguardo.
Se gli spazi alti del magazzino non vengono utilizzati uniformemente, esistono modalità di spegnimento a risparmio energetico.

Luci per capannoni di magazzinaggio

Nei capannoni si consiglia il montaggio di lampade fluorescenti posizionate in file continue nel centro del corridoio all'altezza degli scaffali. Diverse modalità di spegnimento consento un risparmio energetico:
  • Illuminando solo i settori necessari, le zone meno frequentate restano prevalentemente spente.
  • Usando due livelli di accensione (il primo accende una lampada su due, il secondo le accende tutte) il grado di illuminazione può essere adattato ai lavori che si svolgono, ad es. se alcune zone del magazzino in determinati giorni vengono usate solo come via di passaggio e non è necessaria luce per lavori di lettura e ricerca.
  • Installando sensori di presenza (indicatori di movimento) in singole zone del magazzino. Essi attivano la luce automaticamente quando risulta necessario. Un avvio immediato senza sfarfallio è una caratteristica delle lampade con stabilizzatore elettronico (EVG). Se dopo un tempo preimpostato non viene più rilevato movimento, la luce si spegne.


Se le postazioni di lavoro presenti nel magazzino sono vicine agli scaffali, devono essere schermate in modo che la luce proveniente dal magazzino non provochi riflessi sugli schermi dei computer. Le postazioni di lavoro devono essere illuminate come in un ufficio.
I nostri prodotti top consigliati
Faretto
versione alogena da 20 W
Iva esclusa
a partire da 104,90
Faretto
versione a LED 3 x 1 W
Iva esclusa
a partire da 165,-
Lampada a snodo E27
versione standard IP20
Iva esclusa
145,-
Lampada a LED con lente di ingrandimento
lente di vetro da 3 diottrie
Iva esclusa
a partire da 209,-
Iva esclusa
255,-
Iva esclusa
489,-
Iva esclusa
a partire da 339,-
Iva esclusa
389,-
MAUL - Lampada da tavolo girevole di 360°
potenza 3 x 14 Watt, 2 bracci a snodo da 400 mm
Iva esclusa
115,-
torna ad inizio pagina

VUOI PASSARE ALLA VERSIONE MOBILE?

Il sito web di KAISER+KRAFT è disponibile anche in una nuova versione mobile costantemente aggiornata.
Prova la versione mobile
Confronta articoli