Outdoor

AREE ESTERNE MODERNE E FUNZIONALI

I migliori consigli per il nuovo Open Air Office

prodotti outdoor

La mente si offusca, gli occhi bruciano, il corpo ha bisogno di movimento. Dopo ore di lavoro su una sedia da ufficio, la maggior parte dei collaboratori vuole solo una cosa: uscire all’aria aperta.

 

Ciò che noi lavoratori da tempo sappiamo è stato confermato anche da un punto di vista scientifico: un ambiente stimolante, l’ossigeno, la luce e l’attività fisica ci aiutano a rimanere creativi e produttivi. Porta quindi all’esterno i tuoi nuovi ambienti interni! Invita i tuoi collaboratori a lasciare le sale interne dell’ufficio e a trasferirsi in un’area esterna ben progettata. Che sia una terrazza sul tetto, un giardino o un cortile: ogni spazio aperto offre una miriade di possibilità che vanno ben oltre il semplice allestimento delle aree per la pausa.

 

Qui abbiamo raccolto per te i migliori consigli per il nuovo ufficio all’aperto.

5 passi per creare un'area esterna a misura di dipendente!

Le grandi aziende stanno mostrando la loro modernità allestendo aree esterne a misura di dipendente: Microsoft e Amazon, ad esempio, hanno installato sale riunioni in casette sugli alberi e Facebook ha creato un grande giardino pensile per i suoi collaboratori.

 

Questi progetti su larga scala non sono ovviamente realistici per la maggior parte delle aziende. Ma anche con un budget ridotto è possibile sfruttare il potenziale dei tuoi spazi all’aperto.

 

Ti mostreremo passo dopo passo su quale attrezzatura puntare e come progettare un’area esterna che promuova il rendimento e sia esteticamente attraente. E se non hai ampi spazi aperti, non c’è motivo di scoraggiarsi. Sarei sorpreso di quanto velocemente una striscia d’erba vicino all’ingresso possa trasformarsi in una zona benessere.

 

Le dimensioni non sono decisive. Ciò che conta è piuttosto un’attrezzatura funzionale e ben progettata.

Considera il tuo spazio all’aperto come un’estensione del tuo ufficio. L’arredamento deve quindi richiamare le altre sale e la tua corporate identity. Ai settori dell’industria creativa o alle start-up si addicono ad esempio le amache, che tuttavia non sono necessariamente la scelta migliore negli ambienti lavorativi più tradizionali.

Tieni d’occhio anche la finalità d’impiego: per il pranzo, i profondi mobili per il relax sono piuttosto impraticabili. I set di tavoli e panchine salvaspazio, invece, sono perfetti.

Attenzione: affinché i tuoi collaboratori possano lavorare all’aperto e tenere riunioni, prese e WLAN dovrebbero essere sempre disponibili vicino ai mobili.

  • Dove lo spazio è limitato, i mobili multifunzione offrono una maggiore flessibilità. Le sedie trasportabili possono essere utilizzate per la riunione e poi messe al sole per una pausa.
  • Se hai un po’ più di spazio, crea diverse zone con arredi adeguati: una zona pranzo, un angolo con tavoli alti per i fumatori, comode sedie o divani per il relax.
  • Assicurati che i mobili per esterni che sceglierai non siano solo esteticamente attraenti, ma anche robusti e resistenti alle intemperie. Una tettoia fornisce una protezione ulteriore.

Chi non ha voglia di rientrare ogni volta che fanno due gocce di pioggia, ha bisogno di un tetto sopra la testa. Questo vale soprattutto per le strutture all’aperto progettate per attirare i tuoi collaboratori a lavorare all’esterno anche in caso di maltempo.

 

  • Importanti aree coperte da tettoie sono le aree con rastrelliere per le biciclette, le aree fumatori e i punti di ristoro o per riunioni.
  • Le tettoie promettono lunga vita ai tuoi mobili e a molte delle piante in vaso.
  • Anche se ad alte latitudini i giorni di mezza estate sono limitati a poche settimane, ombrelloni o tende da sole ombreggianti sono d’obbligo. Dopo tutto, nessuno vuol mangiare o lavorare sotto il sole cocente per lunghi periodi di tempo.

Le piante portano con se un grandissimo valore aggiunto: non costano molto ma possono trasformare in poco tempo squallidi cortili o terrazze in oasi naturali. Foglie verdi e fiori colorati hanno un effetto positivo sull’umore e migliorano il fattore benessere. Inoltre, un’area più ampia può essere ben strutturata con cassette per piante. Le piante sono la parte principale di ogni area esterna ben progettata.

  • Utilizza piccoli alberi e grandi cassette per piante come protezioni visive per le aree riunioni e per creare nicchie accoglienti per i tuoi collaboratori.
  • Le fioriere con ruote permettono un adattamento flessibile alle diverse esigenze. Su ruote, le piante sensibili possono anche essere facilmente trasportate negli interni durante l’inverno. I contenitori per piante senza ruote sono ideali per le pianti perenni. Utilizzali negli spazi di rappresentanza come l’ingresso principale.
  • I prati sono estremamente versatili: sia che i tuoi collaboratori vogliano distendersi un attimo, fare un po’ di stretching per una breve pausa o sgranchirsi le gambe, sul prato tutto è possibile.

L’illuminazione delle aree esterne è doppiamente vantaggiosa: da un lato, dilata il tempo di utilizzo delle aree. In questo modo, le brevi giornate nella parte più buia dell’anno o gli eventi serali all’esterno non sono più un problema. Dall’altro, un’illuminazione elegantemente suggestiva mette in risalto le aree esterne.

 

  • Combina diverse sorgenti luminose a diverse altezze. Ad esempio, l’illuminazione della facciata con faretti a parete, piante illuminate indirettamente e singoli punti luce da terra. Questo crea un’atmosfera subito invitante.
  • Se si deve lavorare a lungo anche all’esterno, è d’obbligo una buona illuminazione delle aree arredate. Le luci a LED con batteria ricaricabile non necessitano di cavo di alimentazione e possono essere utilizzate in modo flessibile.
  • Hanno il compito di illuminare bene i sentieri, per la sicurezza di tutti. Ciò vale in particolare per i pericoli di inciampo come i gradini.
  • Sono andati tutti a casa, ma le luci sono ancora accese? I rilevatori di movimento ti risparmiano l’onere di bollette cospicue. Se necessario, si può facilmente passare al funzionamento continuo. Le luci solari, poi, sono una soluzione ecologica.

Hai trovato l’arredamento adatto, l’illuminazione, la tettoia e il verde per il tuo spazio esterno? Congratulazioni, la tua struttura di base è pronta. Quello che ora manca sono piccoli ma decisivi accessori e utensili che danno il tocco finale all’allestimento dei tuoi spazi esterni.

  • Quanto intensivo sia l’uso da parte dei collaboratori delle aree all’aperto dipende soprattutto dall’atmosfera. Ora, come si fa a creare atmosfera? Molto semplice: fornendo cuscini, coperte e lanterne. Che ne dici di un frigorifero per le bevande o di un tavolo da ping-pong per animare la zona? Oggetti decorativi, giochi d’acqua, una bella vaschetta o un’opera d’arte possono anche valorizzare l’ambiente esterno.
  • Integra le rastrelliere per biciclette nella tua progettazione degli spazi. Il vantaggio? Tutte le biciclette saranno riposte in modo ordinato e sicuro e la tua area esterna sembrerà più spaziosa e professionale, e nessuno sarà costretto a stare in piedi o a intruppare sulle biciclette.
  • Carte, mozziconi di sigaretta, fazzoletti: anche all’aperto i rifiuti si accumulano costantemente. Posiziona contenitori per rifiuti e posacenere in posizioni strategiche per mantenere pulita e accogliente la tua area esterna. I modelli ignifughi e gli estintori aumentano anche la sicurezza antincendio.
  • I contenitori e carrelli spargisale rendono il tuo spazio aperto adatto anche per l’inverno. Ciò significa che i tuoi collaboratori possono respirare aria fresca anche in condizioni di gelo e di ghiaccio.

BUONO A SAPERSI

Durante la fase di pianificazione, poniti la domanda: come deve essere utilizzata la mia area esterna? La tua risposta a questa domanda è decisiva per realizzare un progetto che possa soddisfare le tue aspettative.  Ecco i punti che dovrebbero  essere nella tua lista: il mio spazio esterno dovrebbe … 

  • incoraggiare il movimento
  • disporre di aree per le pause creative
  • fornire un posto per pranzare insieme
  • essere adatto alle riunioni all’aperto
  • essere rappresentativo dell’azienda
  • sostituire di tanto in tanto la scrivania in estate
  • ospitare qualche volta anche un evento per il dopo-lavoro
  • invitare a discussioni informali

Suggerimento: coinvolgi anche i tuoi collaboratori. Forse ci sono esigenze a cui non penseresti subito.

 

Saremo lieti di aiutarti a trovare i prodotti giusti per le tue superfici esterne. Siamo a disposizione per rispondere gratuitamente alle tue domande al numero 800 844 500 Oppure inviaci una e-mail a service@kaiserkraft.it

Per rilassarsi all'aperto e ricaricare le energie

In realtà c’è solo una regola d’oro per la tua pausa: lascia la scrivania! Se i tuoi collaboratori fanno lo stesso o preferiscono passare il loro tempo davanti allo schermo del computer o mangiare nello spazio ricreativo interno, difficilmente potrai avere un influsso, purtroppo, perché le pause sono tempo libero. Ma se non si può definire in anticipo come deve essere organizzata la pausa ideale, si può dare sempre il buon esempio.

Per schiarirsi le idee, bisognerebbe lasciare l’edificio. Camminare aiuta a pensare più chiaramente. È dimostrato che in questo modo anche il livello di stress diminuisce. In inverno, camminare diventa ancora più importante per ricevere più luce diurna e per alleviare l’umore cupo – tra l’altro, questo vale anche quando il cielo è nuvoloso.

 

E per coloro che preferiscono stare in casa, si raccomanda di tenere le mani lontane dal telefono, dalla posta elettronica e da internet. La cosa migliore è fare quattro passi, perché l’esercizio fisico fa bene ad ogni pausa, e soprattutto a te.

Ricaricarsi di energia positiva e tornare al lavoro con la mente fresca purtroppo non funziona se si passa la pausa a parlare di lavoro, a rimuginarne gli aspetti a voce alta e a farneticare sulle incombenze. Cura invece i tuoi contatti sociali, parla del fine settimana o degli sport che ti interessano.

 

Insomma, parla di tutto ciò che ti piace, purché non di lavoro.

Chi fa regolarmente delle pause e mangia in modo consapevole e lento riuscirà a superare la giornata lavorativa in modo migliore e più rilassato. Quando si ha fame, molte persone perdono velocemente la concentrazione, diventano irritabili e meno efficienti. Per non parlare degli attacchi di appetito famelico, che non sono mai particolarmente salutari. E non dimenticare mai: la fine del mondo non si scatenerà mai in quei 5 minuti.

Il sonnellino rigenerativo è considerato il modo migliore per “dormire” velocemente e per recuperare più rapidamente il livello di rendimento. Ma attenzione, non superare mai i 20 minuti: impostare la sveglia è d’obbligo, perché a partire dai 30 minuti può già iniziare la fase di sonno profondo. Essere strappati dal sonno profondo sarebbe controproducente al recupero di energie.

A scuola si facevano ancora le pause di cinque minuti. Gli esperti dicono che queste pause brevi sono utili, per esempio, per scambiare idee con i colleghi e rafforzare i rapporti, o per chiudere gli occhi un momento e fare un respiro profondo.

Ecco come mantenere la tua area esterna sicura e ordinata

Il tuo spazio all’aperto sarà presentato al meglio solo se sarà sempre ben mantenuto e curato. Per garantire che tu e i tuoi collaboratori possiate utilizzare l’area esterna senza esitazioni, dovresti anche osservare alcuni aspetti relativi alla sicurezza.

Le strutture esterne sono esposte alle intemperie, nel bene e nel male. Le aree coperte permettono ai tuoi collaboratori di godersi l’aria fresca anche in caso di un forte sole o di maltempo. Le tettoie e le coperture proteggono dal vento e dalla pioggia le aree fumatori o i parcheggi di biciclette. Tende da sole e ombrelloni offrono una protezione efficace per le tue aree con posti a sedere.

Affinché i tuoi collaboratori si sentano a proprio agio all’aperto, la sicurezza deve essere sempre garantita. Siepi alte, recinzioni e muri non solo proteggono da occhi indiscreti, ma anche da intrusi indesiderati e atti vandalici. In inverno, con neve e ghiaccio al buio, è importante evitare che i tuoi collaboratori scivolino. A tal fine è necessario dotarsi di materiale da spargere, carrelli spargisale e relativi contenitori.

Solo un’area esterna ben curata fa una bella impressione. Per questo motivo è necessario prestare la cura necessaria per una corretta pulizia dell’ufficio anche all’esterno. Qui potrai scoprire come mantenere pulita la tua area esterna in qualsiasi periodo dell’anno. Vale anche la pena stendere delle stuoie catturasporco per evitare che lo sporco venga trasportato dall’esterno all’interno

Anche se le giornate si accorciano, i tuoi collaboratori dovrebbero poter utilizzare sempre l’area esterna. É per questo che una buona illuminazione risulta essenziale. Dopotutto, nessuno deve perdersi o farsi male al buio. Le luci solari sono particolarmente pratiche in questo caso, in quanto non necessitano di elettricità.

I non fumatori tra i tuoi collaboratori non dovrebbero essere costretti a rimanere in piedi a respirare costantemente il fumo quando passano del tempo all’aperto. Per questo motivo è importante creare un’area fumatori separata, equipaggiata con i posacenere. In questo modo potrai garantire che i mozziconi di sigaretta non contaminino i tuoi vialetti e le tue aree di ingresso.